-->

Premessa..


Ciao a tutti. Benvenuti nel mio blog!
Ci tengo a precisare alcune cose per evitare problemi e polemiche: non sono cosmetologa, erborista, farmacista né medico e quello che pubblico è frutto di quello che leggo su libri che trattano tali argomenti o in diversi siti dedicati. Cerco di informarmi più possibile sugli effetti delle varie sostanze e soprattutto sulle eventuali controindicazioni.
Ciò che può fare bene a me, inoltre, non è detto che vada bene per voi e viceversa, perciò vi consiglio di prendere la mia pagina (e dunque anche questo blog) come una sorta di guida e non certo come la Bibbia. Io non vi conosco, non so se siete allergici a qualche tipo di pianta, ad esempio; inoltre non mi voglio assolutamente sostituire al vostro medico!
Le ricette che pubblico le prendo da vari blog di spignatti, non sono del tutto farina del mio sacco in quanto per ora sto ancora studiando per conto mio.
Se avete domande scrivetemi pure e per quello che posso, sarò felice di rispondervi! Sono aperta a confrontarmi con voi e accetto le critiche purchè costruttive.
CosTy

lunedì 23 febbraio 2015

Il pH nei cosmetici: importantissimo!

Ciao a tutti!
In questo post vi parlerò del pH, di come si misura e di come si può correggere.
Innanzitutto un avvertimento: diffidate quando sentite dire o leggete "il pH non serve che lo misurate perchè l'ho già fatto io per voi" (frase sentita in un video di una youtuber molto seguita e famosa, che a mio parere proprio perchè ha molti followers, non dovrebbe dire certe assurdità)! O.o
Ogni volta che replichiamo una ricetta a base d'acqua, pur con le stesse dosi e gli stessi passaggi, dobbiamo assolutamente misurare il pH in quanto non è detto che venga esatto al primo colpo! Il pH di un prodotto, se errato, può comportare alcuni danni alla pelle; in particolare: un pH troppo acido può distruggere la normale flora batterica "buona" della pelle e privare l'epidermide della sua naturale difesa; un pH troppo basico (detto anche alcalino) può favorire la proliferazione di batteri.

Veniamo ora al dunque:
Il Ph è un valore che misura l'acidità o basicità dell'acqua. Può assumere valori compresi tra 0 e 7 (e in questo caso si dice che l'acqua è "acida") oppure tra 7 e 14 (in questo caso l'acqua sarà "basica"):
-pH < 7 : soluzione acida
-pH = 7 : soluzione neutra
-pH > 7 : soluzione basica
E' dunque molto importante misurare questo valore nelle preparazioni che contengono acqua per verificarne l'eudermicità (compatibilità con la pelle). Ecco qui l'elenco dei corretti pH dei cosmetici homemade:
-Saponi: 8,5-9,5
-Schiuma da barba: 7,5-8,5
-Struccante per occhi: 7
-Contorno occhi (mascara, eyeliner...): 6-7
-Latte detergente: 6-7
-Deodorante: 4-5 (con allume), 8 con bicarbonato
-Gel doccia: 5,5-6,5
-Crema corpo: 5,5-6,5
-Crema viso: 5,5-6,5
-Tonico: 4,5-5,5
-Shampoo: 4,5-5
-Balsamo: 4,5
-Crema corpo esfoliante: 4
-Detergente intimo: 3,5-4,5
Per misurarlo, ci occorrono le cartine tornasole (che vadano ovviamente da 0 a 14), reperibili nei siti online (più economiche) o in farmacia. Queste striscette, presentano a un'estremità dei piccoli quadratini ricoperti di un colorante che reagisce col pH della preparazione. La stiscia va immersa per pochi secondi nel prodotto finito e successivamente confrontata con la scala dei valori presente sulla confezione:

Se il pH non è esatto, è possibile correggerlo attraverso due sostanze: la soluzione di soda caustica al 20% (reperibile già pronta in alcuni siti online, oppure facilmente realizzabile in casa, con le dovute precauzioni) e l'acido lattico (reperibile pronto sui siti online) oppure l'acido citrico.
-La soluzione di soda caustica permette di alzare il pH, nel caso risultasse troppo acido
-L'acido lattico permette di abbassare il pH nel caso fosse troppo basico; aiuta la conservazione ed evita la proliferazione di batteri, tuttavia non deve sostituire il conservante. Anche l'acido citrico è usato per lo stesso scopo, si trova in polvere e va mescolato all'acqua.
Basta una piccola quantità di queste sostanze per modificare il pH e perciò vengono usate in gocce: si versa una goccia e si misura il pH, se ancora non è corretto, si procede versando ancora una goccia, e così via fino ad ottenere il valore desiderato.

Mi raccomando dunque: sempre misurare il pH nelle preparazioni che contengono acqua!! :)
A presto
CosTy
Posta un commento