-->

Premessa..


Ciao a tutti. Benvenuti nel mio blog!
Ci tengo a precisare alcune cose per evitare problemi e polemiche: non sono cosmetologa, erborista, farmacista né medico e quello che pubblico è frutto di quello che leggo su libri che trattano tali argomenti o in diversi siti dedicati. Cerco di informarmi più possibile sugli effetti delle varie sostanze e soprattutto sulle eventuali controindicazioni.
Ciò che può fare bene a me, inoltre, non è detto che vada bene per voi e viceversa, perciò vi consiglio di prendere la mia pagina (e dunque anche questo blog) come una sorta di guida e non certo come la Bibbia. Io non vi conosco, non so se siete allergici a qualche tipo di pianta, ad esempio; inoltre non mi voglio assolutamente sostituire al vostro medico!
Le ricette che pubblico le prendo da vari blog di spignatti, non sono del tutto farina del mio sacco in quanto per ora sto ancora studiando per conto mio.
Se avete domande scrivetemi pure e per quello che posso, sarò felice di rispondervi! Sono aperta a confrontarmi con voi e accetto le critiche purchè costruttive.
CosTy

venerdì 17 aprile 2015

Lavare i capelli con le Erbette, senza l'uso dello shampoo

Ciao a tutti!
Come anticipato sulla pagina facebook con questa foto, durante la settimana, vuoi per l'attività fisica, vuoi per il caldo umido che c'è nell'ambiente di lavoro, vuoi perchè di mio ho la cute grassa, ho la necessità di lavare spesso i capelli: come è vero che fa male lavarli troppe volte (tempo fa li lavavo un giorno sì e uno no!), è anche vero che non va bene lasciarli sporchi soprattutto in caso di eccessiva produzione di sebo, che soffoca il capello. Per alcuni mesetti sono andata avanti lavandoli solo due volte a settimana, ricorrendo allo shampoo secco in caso di necessità e alternando lo shampoo all'aloe della Omia a quello al limone e salvia della Saponaria. Ora invece ho trovato un giusto compromesso tra frequenza di lavaggi e prodotti utilizzati: ecco dunque che vi parlerò di come utilizzare alcune Erbette per lavare i capelli senza utilizzare lo shampoo!
Innanzitutto, per chi ancora non le conosce, vi faccio una breve panoramica (per le singole proprietà di ogni Erbetta, vi rimando al canale di Another And More e alla sezione dedicata sul sito delle Erbe di Janas).
Esistono infatti diversi tipi di Erbe (che vengono essiccate e ridotte in polvere fina):
-erbette tintorie, ovvero ad esempio la Lawsonia, il Katam, l'Ibisco, la Robbia e l'Indigo;
-erbette curative, ovvero Neem, Shikakai, Bhringaj, Brahmi, Methi, Amla, Cassia, Nagar Motha, Kapoor;
-erbette lavanti/condizionanti (agiscono come un balsamo), ovvero Shikakai, Nagar Motha, Aritha, Sidr, Sandalo, Ghassoul. Queste in particolare rilasciano saponine che hanno proprietà pulente.

Attualmente dispongo di Shikakai e Nagar Motha e vi posso dire che le adoro!
Le ho scelte perchè agiscono anche a livello di sebo: lo Shikakai svolge una funzione astringente e rinforzante, il Nagar invece svolge un'azione regolarizzante (stimola o frena la produzione di sebo laddove ce n'è bisogno) e lascia un buonissimo profumo.
Io mi trovo bene utilizzandole dunque solo sulla cute: dopo aver inumidito i capelli, procedo facendo un massaggio sulla cute, a testa in giù, partendo dalla nuca per arrivare sulla fronte e ai lati della testa e distribuendo così la pappetta di polveri.
Le Erbette vanno mescolate con l'acqua abbastanza calda e lasciate riposare una mezzoretta; dopo l'applicazione vanno tenute circa un'ora (coprendo la testa con una cuffia da doccia o ancor meglio con la pellicola) e infine vanno sciacquate per bene. Io poi applico anche un po' di balsamo solo sulle punte (altrimenti mi si annodano un sacco) e faccio l'ultimo risciacquo acido con acqua fresca e aceto di mele.

Il lunedì dopo la palestra utilizzo invece il detergente intimo Neutromed a pH 4.5 (lo stesso che si trova sulla cute!) rigorosamente diluito con un po' d'acqua, in modo da lavare il sudore ma senza aggredire troppo.
Il sabato invece, dopo l'allenamento in piscina, di solito mi prendo un po' di tempo per fare qualche impacco con olii e miele, e necessito quindi di uno shampoo un po' più strong (come detto all'inizio, alterno infatti quello dell'Omia a quello della Saponaria) per lavare bene tutta l'untuosità dell'impacco.

Così facendo vedo che i capelli non risultano appesantiti e non ho prurito alla cute. Ho notato anche che, nonostante il cambio di stagione, non perdo così tanti capelli come tempo fa.
Bene, mi sembra di aver detto tutto. Spero di esservi stata utile e se avete qualche domanda chiedete pure :)
A presto!
CosTy
Posta un commento